Polenta e Preparati

Polenta Tradizionale:

Ingredienti: Farina di mais precotta.
Abbinamenti: Ottima con bolliti di carne al sugo.

Polenta ai Funghi Porcini:

Ingredienti: Farina di mais precotta, aroma di fungo, briciole di funghi porcini, aglio e prezzemolo.
Abbinamenti: Ottima con bolliti di carne al sugo.

Ribollita Campagnola:

Ingredienti: Fagioli cannellini, fagioli grat northen, fagioli borlotti, fagioli corona, carota disidratata, pomodoro disidratato, sedano disidratato, porro, cipolla e prezzemolo.
Abbinamenti: Zuppa della tradizione campagnola, la selezione e la qualità dei suoi ingredienti ne fanno un piatto sano ed equilibrato privo di grassi. Ottima con pane bruscato.

Codice

Descrizione prodotto

Scadenza

Pezzi per cartone

PP011 Polenta Istantanea Tradizionale gr 500 2 anni 20
PP009 Polenta Istantanea ai Porcini gr 250 2 anni 20
PP005 Ribollita Campagnola gr 300 2 anni 20

La Polenta

è un antichissimo modo di cucinare le farine di cereali, conosciuto sull’intero suolo nazionale
sin dai tempi più remoti, tuttora molto diffuso nelle regioni del nord e del centro Italia.
La polenta è formata da un impasto di acqua, farina di cereali (oggi la più comune in Europa è quella
di granoturco, la polenta gialla) e sale, cotti in un paiolo (la tradizione vuole che sia di rame) per almeno
un’ora. La farina da polenta è solitamente macinata a pietra (“bramata”) più o meno finemente a
seconda della tradizione della regione di produzione. In genere la polenta viene presentata in tavola su
di un asse circolare coperta da uno straccio e viene servita, a seconda della sua consistenza, con un
cucchiaio o a fette, queste ultime un tempo tagliate con un filo di cotone, dal basso verso l’alto.

La Ribollita

è una zuppa di pane raffermo e verdure tipica della Toscana, in particolare della zona di
Firenze. È un tipico piatto “povero” di origine contadina, che deriva il nome dal fatto che un tempo
le contadine ne cucinavano una gran quantità (soprattutto il venerdì, essendo piatto magro) e quindi
veniva “ribollito” nei giorni successivi. Come tutte le altre minestre di verdura anche la ribollita diventa
sempre più gustosa ogni volta che viene “ribollita” sul fuoco.

Condividimi